Design  Hi-tech

Come l’Ispettore Gadget

courtesy of Fujitsu

Design e tecnologia si rifanno…il trucchetto

Design e tecnologia si rifanno…il trucchetto

 - 

Il design si presta alla tecnologia dei trucchi, trabocchetti e piccole magie. Per geek, nuovi nerd e Ispettori Gadget hi tech

Chi non ricorda la maldestra scaltrezza (ma sempre efficace) dell’Ispettore Gadget? E poi, in qualche fase della vita, nerd (un po’ secchioni, un po’ sfigati) lo sono stati tutti: un classico dei classici, negli anni “né carne né pesce” delle scuole medie. Oggi, grazie al design hi tech, i nuovi nerd assomigliano all’Ispettore Gadget, ma sono ancora più brillanti e soprattutto geek, affascinati e abili con la tecnologia.

L’oggetto del desiderio dei furbacchioni tecnologici lo ha pensato Fujitsu che per esso ha scelto il nome perfetto: Tamatebako, in giapponese “scatola del tesoro”. Si tratta, infatti, di una memoria usb intelligente, che proprio come uno scrigno inespugnabile, cripta i dati inseriti e li protegge, cancellandoli, se il device viene inserito in un computer estraneo o se si tenta il log in con password sbagliata. In poche parole, una memoria che si “autodistrugge”, dal design tondeggiante e in 5 colori, che farebbe gola persino all’Ispettore Gadget. Per ora, però, Tamatebako è disponibile solo in Giappone.

Sono invece i tre nerd/designer argentini Javier Bertani, Ezequiel Castro e Vera Kade dello studio BCK, ad aver realizzato il primo accessorio per telefonare…con le dita. Si tratta di Color Rings, due anelli colorati, molto fashion ma altamente tecnologici, da indossare sulle dita della mano. Come funzionano? Ispirandosi al linguaggio gestuale dell’uso del telefono (la mano sul lato del viso, con il mignolo sulle labbra e il pollice sull’orecchio), diventano microfono ed auricolare, interconnessi tra loro e con il cellulare, grazie a sensori di distanza e via wi-fi.

Infine, più nerd di così si muore, a meno che non arrivi Dr. Hard Drive Bag, la flebo per pc sul baratro della riformattazione! Si tratta dell’idea della designer coreana Hyuh Jin Lee, ovvero un potente device che “contiene” ciò che serve ad un pc in crisi: software antivirus e scandisk per rivelare (e guarire) da ogni rischio e pericolo. Il design è piuttosto inquietante: su un supporto in alluminio che ricorda quello della flebo svetta un case a luci led a connessione usb, che rivela ogni malanno... e i processi curativi in corso.

Vai alla rubrica Design di Stile.it.
  • DEVICE MULTIFUNZIONE

  • /
  • TAMATEBAKO MEMORIA COMPUTER

  • /
  • COLOR RINGS TELEFONO

  • /
  • DR. HARD DRIVE BAG

  • /
  • DESIGNER COREANA HYUH JIN LEE

 

 
CERCA STILISTA
VAI
CERCA MASION
VAI
FOTO
>> VAI A TUTTE LE FOTO